_home          
_appuntamenti e date

gravidanza e neonati

l'acqua è senza dubbio l'ambiente ideale per l'attività fisica durante il periodo della gravidanza.
la diminuzione della forza di gravità alleggerisce le articolazioni e i legamenti dal carico di lavoro statico e dinamico.
non dobbiamo dimenticare che la gravidanza provoca una imbibizione di tutti i tessuti connettivi con conseguente lassità legamentosa.
negli ultimi mesi di gestazione le articolazioni non possono sopportare pesi e sforzi eccessivi.
l'immersione in acqua termoneutra provoca alcune modificazioni a livello fisico che sono causate dalla pressione idrostatica, dall'attivazione del sistema vegetativo e dalla mediazione ormonale.
le modificazioni principali dell'immersione sono a carico degli spostamenti dei liquidi corporei (interstizio, sangue, urina), del sistema cardiovascolare e respiratorio, del sistema nervoso autonomo.
i muscoli profondi del perineo sono muscoli misti, composti sia da fibre muscolari lisce involontarie, controllate dal sistema nervoso autonomo, sia da fibre muscolari striate che sono sotto il controllo del sistema motorio volontario.
la contrattura dei muscoli perineali fa parte delle reazioni di difesa mediate dalle catecolamine dell'ortosimpatico. l'immersione in acqua attiva il parasimpatico, mobilita i liquidi corporei e facilita l'ipotonia muscolare generale (rilassamento).
"l'organizzazione tonica della muscolatura in sé esprime ciò che risente affettivamente la persona, da qui l’importanza del tono muscolare" (j. le boulch).
l'ipertono diminuisce il controllo volontario sul rilassamento e sulla contrazione muscolare stessa.
il disequilibrio tonico che ne deriva disturba la motricità perineale e, attraverso questa, la progressione del travaglio di parto.
l'acquaticità aiuta a ristrutturare il proprio schema corporeo passando attraverso le modificazioni del tono muscolare e della postura, facilitando la consapevolezza e la formazione dell'immagine di sé.
l'acquaticità fa superare le difficoltà dell'acqua.
in acqua affrontiamo realmente una piccola avversità che opprime. ogni esperienza di cui siamo consapevoli ci può cambiare. giocando modifichiamo le sinapsi, si ristrutturano le risposte automatiche.
si fanno le "prove generali" prima del debutto in sala parto.
la gravidanza è anche un periodo di regressione: infatti si crea un ritorno all'io infantile che sembra essere la base del processo di identificazione e comunicazione
con il proprio bambino.
immergersi in acqua facilita questo lavoro psichico perché anche il corpo viene a trovarsi in un ambiente di regressione.
l'empatia è una qualità indispensabile per diventare e per fare il genitore.
durante la gestazione il feto è sempre circondato dalla tonicità delle pareti dell’utero che danno un sicuro appoggio al corpo. ovunque si muova e qualsiasi arto agiti, incontra sempre la parete uterina o la placenta.
inoltre, il liquido amniotico è sottoposto a un movimento ritmico ondulante dal battito cardiaco della mamma.
la cute fetale è costantemente stimolata da contatti decisi e ritmici che donano al feto la sensazione di essere contenuto e protetto.
molti studi dimostrano come i neonati necessitino di un abbraccio costante della pelle materna per crescere e nutrirsi. nelle civiltà non industrializzate le madri vivono e lavorano con il proprio figlio sempre a contatto con la pelle, saldamente tenuto sulla schiena o sul fianco. immediatamente il bambino, in questa relazione intima di scambio corporeo, si sviluppa attraverso il cosiddetto dialogo tonico che rappresenta una base fondamentale del comportamento ulteriore della persona e dell’attitudine affettiva globale.
il tono della mamma influenza il tono del bambino, il bambino risente delle reazioni fisiche e toniche della madre. un buon dialogo corporeo permette
l'equilibrio energetico del bambino partendo dall'equilibrio materno.
se il neonato è maneggiato continuamente con stimoli bruschi avrà una reazione di ipertono, di difesa. al contrario, diverrà ipotonico in assenza di stimoli sensitivi.
l'acqua, trattata con acquaticità, può aiutare a far sviluppare una relazione madre-figlio serena e fiduciosa.

_coscienza corporea acquatica
_la paura dell'acqua nell'adulto
_incontri di gruppo di coscienza corporea acquatica
_gravidanza e neonati
_classi di bioenergetica
_formazione e supervisione per operatori
_performance
_curriculum
_links
_contatti